Categorie
notizie

Gli scenari della crisi economica e la riconversione delle imprese in difficoltà

In uno scenario caratterizzato dall’onda lunga della crisi economica ed in continua trasformazione, è importante superare il modello basato su cassa integrazione, prepensionamenti e mobilità incentivata (oggi economicamente non più sostenibile) e puntare piuttosto sulle politiche attive e l’innovazione, ad esempio su processi di reindustrializzazione che possano offrire soluzioni sostenibili nel lungo periodo.

Per avere successo nell’operazione è necessaria una stretta collaborazione tra l’impresa in crisi (che ha la necessità di chiudere uno o più stabilimenti produttivi per ragioni organizzative), istituzioni pubbliche, parti sociali, investitori privati e advisors esperti.

L’obiettivo è gestire situazioni di difficoltà, attraverso nuove soluzioni industriali, individuando anche nuove opportunità di sviluppo provenienti da imprese interessate a subentrare operanti in settori simili.

Naturalmente questa fase risulta molto delicata e richiede il necessario intervento di un professionista esperto della materia e che sappia agire nel modo migliore in una fase di profonda trasformazione.

D’altra parte la riconversione di un’azienda determina un vero e proprio cambiamento strutturale: si tratta da un lato di un processo di trasformazione del tessuto industriale e dall’altro di uno strumento utile a favorire lo sviluppo di settori sempre più competitivi e maggiormente avanzati tecnologicamente.

Vertus, società di consulenza che opera da anni a contatto con le aziende in crisi e nei delicati scenari della reindustrializzazione, è in grado di individuare il modello migliore di riconversione attraverso ricerche mirate e studi di fattibilità.

I professionisti di Vertus, anche grazie ad analisi di sostenibilità finanziaria, sono in grado di valutare le criticità che potrebbero compromettere l’esito delle operazioni e mediano con tutte le parti in causa e portatrici di interesse al fine di garantire la chiusura, con successo, dell’operazione di riconversione dell’impresa.

Categorie
notizie

L’importanza dell’attività di coaching and outplacement in una realtà di crisi aziendale

La crisi economica dell’ultimo periodo ha determinato profondi mutamenti nell’ambito degli organigrammi aziendali. In uno scenario caratterizzato da una continua trasformazione e dalla chiusura di diversi impianti per ragioni organizzative è consuetudine diffusa che un lavoratore (sia esso un dirigente o un impiegato) riceva la notizia della messa in mobilità.

Tuttavia, in questo quadro, non è più sostenibile economicamente solo il modello di politiche passive basato su cassa integrazione e mobilità incentivata. Occorre viceversa, anche per quel che concerne il personale di un’impresa in crisi, puntare sui processi di reindustrializzazione e riorganizzazione: ovvero ricollocare i lavoratori in realtà subentranti o simili, spesso Pmi ad elevato contenuto tecnologico.

In questa delicata situazione i lavoratori, abituati a sentirsi indispensabili al servizio dell’azienda, vivono forti turbamenti che rischiano di frantumare l’equilibrio psicologico costruito intorno al concetto di autostima e professionalità. Così, in questa dissoluzione, tutto ciò che fino ad allora è apparso ovvio e naturale d’improvviso sembra incarnarsi in una inessenzialità disarmante. È come se l’individuo restasse immobilizzato nel marasma della mobilità.

L’attività di “coaching and outplacement” si colloca proprio in questa fase. Il consulente deve fornire una concreta azione di supporto alla persona che allontanata dal sicuro confine aziendale perde completamente l’antica operatività. In tal senso l’outplacement si può considerare come il tempo dell’attesa, un tempo che, se ottimamente gestito, può profilarsi come un evento veritativo, uno spazio critico entro cui riflettere, formarsi e migliorarsi.

Vertus, azienda di consulenza che da anni opera nella delicata fase della reindustrializzazione offrendo anche servizi di “coaching and outplacement “, fornisce un concreto supporto nella ricollocazione del personale, mediando con le istituzioni, le parti sociali e il tessuto industriale.

Ridefinendo scopi, obiettivi e missioni dei lavoratori all’interno di turbolenti scenari di dismissione, Vertus fa in modo che l’attenzione del lavoratore in mobilità o temporaneamente inoccupato si focalizzi sui propri punti di forza e sulle competenze in suo possesso.

In particolare, i nostri consulenti si adoperano per salvare dirigenti e lavoratori, favorendone la collocazione in realtà aziendali in espansione (spesso Pmi italiane) e con business innovativi e compatibili con l’impresa in dismissione.

Categorie
notizie

Il Coaching, strumento essenziale per supportare il personale durante le fasi di restart aziendale

Il coaching non è solo una metodologia di sviluppo personale, utile a raggiungere importanti obiettivi professionali o personali. Il coaching è oggi uno strumento essenziale per supportare, durante le fasi di restart aziendale, dirigenti, quadri ed impiegati in uscita.

La reindustrializzazione talvolta necessita di attività di outplacement del personale: ciò accade quando la reindustrializzazione dei siti produttivi di aziende in crisi economica determina un numero di esuberi tali da richiedere un’attività di supporto alla ricollocazione.

L’outplacement ha come obiettivo ultimo la ricollocazione di lavoratori nel mercato del lavoro, e per farlo sono necessari interventi di riqualificazione del singolo impiegato che deve essere pronto ad affrontare nuove sfide.

Il coach è un professionista in grado di dare sostegno psicologico concreto nella definizione e nel perseguimento di obiettivi personali importanti come il reinserimento nel mercato del lavoro. Il coach stimola nell’individuo la volontà di riqualificarsi professionalmente e di fare leva sulle proprie competenze ed esperienze lavorative con rinnovata fiducia.

Le attività di coaching hanno come obiettivo quello di infondere nel lavoratore:

  • consapevolezza delle proprie reali capacità
  • motivazione a raggiungere gli obiettivi
  • determinazione nel ricollocarsi sul mercato del lavoro.

La volontà di impegnarsi diventa una leva importante tanto quanto quella degli ammortizzatori sociali.

L’esperienza di Vertus insegna che il coaching aumenta nel candidato la fiducia nei propri mezzi, riduce l’ansia e moltiplica le opportunità di inserimento nel mondo del lavoro.

Se inserito organicamente in un più ampio piano di reindustrializzazione, il coaching inoltre aiuta il recupero del rapporto di fiducia tra lavoratori ed azienda nei contesti più critici.